Dona Ora!

Categorie News

Archivio News

Tutte le News

Come navigo tra le news? In questa sezione sono elencate tutte le news in ordine cronologico dalla news più recente. È possibile navigare all'interno della categorie e/o degli archivi mensili utilizzando gli appositi box 'Categorie News' e 'Archivio News' a lato.
  • Campo saharawi: si parte ad aprile!

    Campo saharawi: si parte ad aprile!

    Dal 16 al 23 aprile 2011 partirà il campo di lavoro nel campo saharawi di El Ayoun ( Tinoduf-Algeria). Il campo sarà l'occasione per conoscere da vicino la realtà dei profughi saharawi. I campisti alloggeranno presso le famiglie e parteciperanno agli incontri con le associazioni delle donne, dei giovani, visiteranno i centri sanitari, le scuole e consoceranno progetti realizzati dall’Arci in quei luoghi. Per saperne di più sul campo: Campi di lavoro > 2011 > Campi di lavoro Arci: le proposte per il 2011 Poichè il campo partirà tra poco il termine per l'iscrizione scade il 15 marzo 2011. A breve quindi allegheremo il form per l'iscrizione da inviare alla mail: campidilavoro@arci.it

  • Campi di lavoro Arci estivi: ecco le nuove proposte!

    Campi di lavoro Arci estivi: ecco le nuove proposte!

    Tornano i campi di lavoro e conoscenza Arci. Anche questa volta sono tante le proposte tra cui poter scegliere, per vivere un'esperienza unica, di crescita culturale, di confronto e solidarietà con culture e popoli lontani. Libano, Palestina, Rwanda, Brasile, Colombia, Mozambico, Marocco, Giordania e Kosovo le mete che vi proponiamo. Per le schede dettagliate di ciascun campo, visitate la sezione  Attivati! > Campi di lavoro > 2011 > Campi di lavoro Arci: le proposte per il 2011 Nella stessa sezione troverete il regolamento dei campi che vi inviatiamo a leggere con attenzione. Vi ricordiamo che le iscrizioni al campo in Mozambico sono chiuse , non solo per la scadenza dei termini (25 aprile) ma anche perché il numeroso gruppo di futuri campisti è stato formato. Considerato il grandissimo interesse dimostrato per l'Africa, ...

  • Per un intervento politico urgente del Governo Italiano per fermare la strage di civili palestinesi nel campo di Yarmouk – Siria

    Per un intervento politico urgente del Governo Italiano per fermare la strage di civili palestinesi nel campo di Yarmouk – Siria

    “Al di là del disumano”, così ha definito ieri Chris Gunnes, portavoce di UNRWA, l’organizzazione delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi , la situazione della popolazione nel campo rifugiati di Yarmouk, alla periferia di Damasco. “Non c’è cibo, non c’è acqua e pochissime medicine… La gente è rinchiusa in casa, e i combattimenti infuriano per le strade. Tutto questo deve finire e i civili devono essere evacuati.” Da parte sua, Pierre Krahenbuhl, Commissario Generale UNRWA, in una informativa al Consiglio di Sicurezza, ha dichiarato che i rifugiati nel campo sopravvivono con razioni di cibo di 400 calorie al giorno, meno di un quarto di quanto sarebbe indispensabile secondo OMS, l’organizzazione mondiale della sanità. 18.000 rifugiati Palestinesi, fra i quali ci sono 3.500 bambini, sono intrappolati da mesi nel campo di ...

  • Portavoce Unrwa, Gunness: “Situazione Yarmouk oltre il disumano”

    Portavoce Unrwa, Gunness: “Situazione Yarmouk oltre il disumano”

    Tratto da RaiNews La situazione nel campo profughi palestinese di Yarmouk, alla periferia di Damasco, è "al di là del disumano": a lanciare l'allarme è Chris Gunness, portavoce dell'agenzia Onu per i rifugiati palestinesi. In videoconferenza con Rainews Guness racconta le difficoltà per l'agenzia dell'Onu di accedere al campo, da cui è stato possibile evacuare finora solo un centinaio di persone.  - Guarda il video 

  • SVE in Palestina: parti con noi?

    SVE in Palestina: parti con noi?

    ARCS Cultura Solidali – ti dà la possibilità di partire come volontario in Palestina all’interno di un progetto SVE già finanziato. Il progetto “Youth MEDIocracy Makers” prevede la partenza di 8 volontari, per 3 mesi, che saranno accolti presso il nostro partner palestinese YDD – Youth Development Department, a Gerusalemme. La partenza dei primi 4 volontari è prevista da giugno ad agosto 2015; gli altri 4 partecipanti partiranno da settembre a dicembre. I volontari sosterranno la “Media Unite” di YDD e saranno impegnati sui temi dei diritti umani, cittadinanza attiva, nuovi media e giornalismo, libertà d’espressione, dialogo interculturale. Viaggio, vitto, alloggio, copertura assicurativa, trasporti locali, formazione prima della partenza e all’arrivo sono a copertura totale. Previsto anche un pocket money. Scrivi all’indirizzo mail segreteria_arcs@arci.it per mandare la tua candidatura, inviando il tuo CV e una breve ...

  • Cosa portiamo a casa da Tunisi

    Cosa portiamo a casa da Tunisi

    di Federica D’Amico, referente Nord Africa Sotto una pioggia battente si è tenuta la scorsa settimana l’edizione 2015 del Social forum: Tunisi, per la seconda vota, ne è stata testimone. Pochi giorni dopo il vile attacco al museo del Bardo, la paura non ha fermato migliaia di attivisti che da tutto il mondo hanno animato un’intensa settimana di dibattiti, assemblee e cortei nel campus Al Manar, e per le vie della città. Tantissimi giovani: dagli studenti e volontari che hanno reso possibile lo svolgersi dell’evento, alle organizzazioni della società civile di tutta l’area mediterranea, che all’unisono affermano che al terrore bisogna rispondere con la libertà, con la democrazia, con la giustizia sociale. E proprio sulla tematica della giustizia sociale ARCS è da lungo tempo impegnata all’interno della rete SOLIDAR su un ampio processo ...

  • A Cipro, continuano i lavori del progetto Water Drop

    A Cipro, continuano i lavori del progetto Water Drop

    Di Micol Briziobello, coordinatrice Libano e Giordania ARCS La gestione efficiente delle risorse idriche rappresenta un obiettivo primario per la maggior parte dei Paesi del bacino del Mediterraneo, in cui la scarsità d'acqua ha importanti implicazioni a livello sociale, economico ed ecologico, con dirette conseguenze anche sulla pace e la sicurezza alimentare. Per questa ragione, a maggio del 2014, ha preso il via il progetto Water-DROP – Water Development Resources Opportunity Policies for the water management in semi-arid areas, con l'obiettivo di sviluppare un approccio comune per gestire in modo più efficiente le risorse idriche del bacino del Mediterraneo, migliorandone l'utilizzo e quindi la disponibilità per i cittadini. Il progetto, cofinanziato al 90% dall'Unione Europea (programma ENPI Cross border Cooperation), è coordinato dall'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo ...