Dona Ora!

Categorie News

Archivio News

Tutte le News

Come navigo tra le news? In questa sezione sono elencate tutte le news in ordine cronologico dalla news più recente. È possibile navigare all'interno della categorie e/o degli archivi mensili utilizzando gli appositi box 'Categorie News' e 'Archivio News' a lato.
  • Campo saharawi: si parte ad aprile!

    Campo saharawi: si parte ad aprile!

    Dal 16 al 23 aprile 2011 partirà il campo di lavoro nel campo saharawi di El Ayoun ( Tinoduf-Algeria). Il campo sarà l'occasione per conoscere da vicino la realtà dei profughi saharawi. I campisti alloggeranno presso le famiglie e parteciperanno agli incontri con le associazioni delle donne, dei giovani, visiteranno i centri sanitari, le scuole e consoceranno progetti realizzati dall’Arci in quei luoghi. Per saperne di più sul campo: Campi di lavoro > 2011 > Campi di lavoro Arci: le proposte per il 2011 Poichè il campo partirà tra poco il termine per l'iscrizione scade il 15 marzo 2011. A breve quindi allegheremo il form per l'iscrizione da inviare alla mail: campidilavoro@arci.it

  • Campi di lavoro Arci estivi: ecco le nuove proposte!

    Campi di lavoro Arci estivi: ecco le nuove proposte!

    Tornano i campi di lavoro e conoscenza Arci. Anche questa volta sono tante le proposte tra cui poter scegliere, per vivere un'esperienza unica, di crescita culturale, di confronto e solidarietà con culture e popoli lontani. Libano, Palestina, Rwanda, Brasile, Colombia, Mozambico, Marocco, Giordania e Kosovo le mete che vi proponiamo. Per le schede dettagliate di ciascun campo, visitate la sezione  Attivati! > Campi di lavoro > 2011 > Campi di lavoro Arci: le proposte per il 2011 Nella stessa sezione troverete il regolamento dei campi che vi inviatiamo a leggere con attenzione. Vi ricordiamo che le iscrizioni al campo in Mozambico sono chiuse , non solo per la scadenza dei termini (25 aprile) ma anche perché il numeroso gruppo di futuri campisti è stato formato. Considerato il grandissimo interesse dimostrato per l'Africa, ...

  • GAZA. E’ tregua permanente: gazawi in strada a festeggiare

    GAZA. E’ tregua permanente: gazawi in strada a festeggiare

    Da Nena-News.it AGGIORNAMENTI ore 19.40 – EGITTO: “APERTURA IMMEDIATA DEI VALICHI PER FAR ENTRARE AIUTI UMANITARI E MATERIALI DA COSTRUZIONE”. CONSIGLIO DEI MINISTRI ISRAELIANO SPACCATO SULLA TREGUA Il Ministero degli Esteri egiziano fa sapere che l’apertura dei valichi per Gaza sarà immediata “per permettere l’ingresso urgente di materiale da ricostruzione e aiuti umanitari per la popolazione civile”. Immediata anche l’estensione della zona di pesca a sei miglia nautiche (seppure gli Accordi di Oslo firmati nel ’94 tra Olp e Israele ne prevedano 20). Intanto fonti interne al gabinetto di sicurezza israeliano riportano di una seria spaccatura tra i ministri in merito all’accordo di cessate il fuoco: il ministro degli Esteri Lieberman, il ministro dell’Economia Bennett e quello della Sicurezza Pubblica Aharonovitch si sono opposti alla tregua, ma il premier Netanyahu ha ...

  • Da Gaza un appello all’Italia: Non addestrare chi ci bombarda

    Da Gaza un appello all’Italia: Non addestrare chi ci bombarda

    Comunicato stampa BDS Quasi 50 foto-appelli da Gaza contro le esercitazione israeliane in Sardegna Il 30 agosto assemblea internazionale a Cagliari Oltre 11.000 firme sulla petizione "NO alla presenza dell'esercito israeliano in Sardegna" Davanti a un cumulo di macerie, un ragazzo a Gaza tiene in mano un cartello con scritto, "Italia, non addestrare i piloti che ci bombardano". Un gruppo di bambini ne sorregge un altro: "Addestrare i piloti israeliani = uccidere bambini palestinesi". Sono due dei quasi 50 foto-appelli che sono arrivati dalla Striscia per chiedere al governo italiano di annullare le esercitazioni militari previste per settembre in Sardegna, che, secondo un documento del Ministero della Difesa, prevedono la partecipazione dell'aeronautica israeliana. Dopo oltre sei settimane di bombardamenti israeliani, che conta oltre 2000 morti, tra cui quasi 500 bambini, e oltre 10.000 feriti, e che hanno devastato gran parte delle infrastrutture di ...

  • Iraq: al via l’operazione umanitaria dell’UNHCR con l’arrivo del primo Boeing 747 a Erbil

    Iraq: al via l’operazione umanitaria dell’UNHCR con l’arrivo del primo Boeing 747 a Erbil

    È atterrato oggi a Erbil alle 15:10 ora locale il primo volo dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR)  con a bordo 100 tonnellate di aiuti umanitari. Il volo fa parte di una massiccia operazione di 10 giorni volta ad aiutare le persone rimaste vittima del peggioramento della crisi umanitaria in Iraq. A bordo del Boeing 747 partito da Amman, in Giordania, sono state caricate 3.300 tende, 20.000 teli di plastica, 18.500 set da cucina e 16.500 taniche; si tratta della prima consegna in un’operazione che mira a distribuire 2.410 tonnellate di aiuti tra oggi e i primi di settembre. Gli aiuti serviranno a migliorare le condizioni di vita di circa 500mila sfollati nella regione, molti dei quali vivono in condizioni precarie in edifici non ultimati, parchi o lungo ...

  • La Freedom Flotilla riparte per rompere l’assedio di Gaza

    La Freedom Flotilla riparte per rompere l’assedio di Gaza

    La Freedom Flotilla Coalition salpa di nuovo verso Gaza: in risposta alla aggressione israeliana ed alla complicità dei governi del mondo. La Freedom Flotilla Coalition (FFC) si è riunita ad Istanbul, all’ombra dell’ultima aggressione israeliana a Gaza. Assistiamo ad atrocità commessecontro una popolazione che era già sotto assedio. Nei due giorni di meeting (10-11 Agosto), la FFC ha concluso che è responsabilità della società civile di tutto il mondo salpare verso Gaze e sfidare il blocco israeliano, fonte della maggior parte dei problemi che affliggono la popolazione palestinense di Gaza. Abbiamo intenzione di salpare nel corso del 2014, dichiarato anno internazionale di solidarietà con il popolo palestinese da parte delle Nazioni Unite:http://unispal.un.org/unispal.nsf/solidarity.htm?OpenForm Questa iniziativa, che segue le orme delle flottiglie del 2010 e del 2011, così come altri tentativi di sfidare il blocco di ...

  • Appello per salvare le minoranze irachene

    Appello per salvare le minoranze irachene

    La guerra in Iraq rischia di provocare lo sterminio delle ultime comunità cristiane, yazide, shabak, turcomanne rimaste nel paese. Da metà giugno sono centinaia di migliaia le persone in fuga. Un ponte per… sta operando da allora per rispondere all’emergenza. Abbiamo distribuito, fino ad ora, acqua, succhi di frutta, pasti ipercalorici, latte in polvere, cibo, kit igienici per accogliere chi sta fuggendo disperato. Ma la guerra non si arresta, ogni giorno ci sono nuovi bisogni. Interi quartieri della città di Erbil sono pieni di profughi, così come scuole e parchi pubblici. Circa 850.000 persone si sono spostate in cerca di aiuto dalla caduta di Mosul per mano dell’Isis avennuta due mesi fa. Il numero di sfollati interni cresce fino a 1,4 milioni considerando anche le persone fuggite dall’area di Al Anbar dello scorso gennaio. L’Iraq, ...